Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Da Pro Loco Recco : 9 ottobre 2016, reading di 'Storie di donne ribelli'

9 ottobreDomenica 9 Ottobre alle 18.15 presso la sala Polivalente Franco Lavoratori La Pro Loco di Recco e L'amministrazione Comunale sono Lieti di Ospitare L'Associazione Sant'Ambrogio Musica che presenta il Reading Storie di donne ribelli alla regia di Patrizia Ercole

Di cosa parla Storie di donne ribelli liberamente tratto da testi di Stefano Benni?

La pièce è composto da sei monologhi tutti al femminile.

Una suora assatanata, una donna ansiosa e una donna in carriera, una donna sognante, una giovane irrequieta e un'adolescente crudele.

I testi contengono un insieme di invettive, sproloqui, intrighi amorosi, sentenze, confidenze, sogni, tutto ciò che compone solitamente la vita delle donne, o più in generale la vita di tutti.

Nei monologhi è costante l’accavallarsi e l’accostarsi di voci, a metà tra la realtà quotidiana e il teatro in descrizioni che a tratti sembrano surreali, ma in fondo sono molto più attuali di quanto si possa immaginare.

Potrete tifare per Beatrice che “sberleffa” il suo Dante, perché anche i più grandi miti possiedono un lato umano in grado di renderli più vicini ed autentici. Rimarrete annichiliti di fronte alla crudeltà dell’adolescente tutta griffe e preconcetti. Riconoscerete come figura del nostro tempo l’”industrialessa” che rimescola in un pentolone la sua disonestà ed i disumani successi imprenditoriali. Vi riconoscerete nell’ansia della donna che attende “Che ore sono? Non voglio saperlo. Le ore in cui si aspetta non hanno la durata del tempo quotidiano. La loro misura non è quella di un pendolo che oscilla regolare, ma quella di un cuore che batte, a spasmi e inciampi. Il tempo dell'attesa ti circonda, ti avvolge interminabile”. Riderete di gusto insieme a Suor Filomena, la suora “ossessa controllata a vista dalla badessa” che racconta della sua vita imposta in convento. E ancora, volerete con ali nere e fantasiose insieme a quei vecchi e a quei bambini lasciati troppo soli davanti alla televisione.