Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Recco, 29 gennaio 2017 - Alfabeto di Auschwitz

locandina alfabeto di auschwitz 29 01 2017 smallDomenica 29 Gennaio alle 17.00  presso la  Sala Polivalente

Franco Lavoratori

in Via Ippolito D’Aste, 2/a - Recco

Associazione Sant'Ambrogio Musica presenta :

Reading "Alfabeto di Auschwitz" 

  INGRESSO LIBERO – la cittadinanza è invitata 

Il reading s’ispira all’"Alfabeto di Auschwitz", versione italiana di "An Auschwitz Alphabet" di Jonathan Wallace. Si tratta di un pregnante ed esaustivo lavoro sulla Shoah e sul lager di Auschwitz in particolare, che Wallace ha costruito quale tributo a Primo Levi. Il testo di Wallace è stato utilizzato come griglia, entro le cui voci (da A: Arbeit Macht Frei fino a Z: Zyklon B), sono state inserite le testimonianze dei sopravvissuti e documentazioni audiovisive.

A noi tutti interessava una riflessione su un soggetto storico: rinchiudere delle persone in luoghi appositamente concepiti per lo sterminio, asfissiarli come si fa con gli insetti, significa negare l’essenza umana delle vittime, distruggere la nozione stessa di umanità. L’esperienza dei campi ha aperto un baratro incolmabile nella tradizione politica della modernità e il nostro presente resta infestato da questo veleno che si manifesta non solo nei genocidi che continuano a perpetuarsi, ma nel razzismo più o meno esplicito che permea la nostra vita quotidiana.

Il reading non intende proporsi come una macabra elencazione di orrori bensì come un monito a ricordare affinché alcuni grandi capisaldi dei valori umani non vadano perduti: “Se tutto questo dolore non allarga i nostri orizzonti e non ci rende più umani, liberandoci dalle piccolezze e dalle cose superflue della vita, è stato inutile” (dai diari di Etty Hillesum); “E’ possibile, anche laddove sembra che l’uomo sia sommerso, conservare la dignità” (Primo Levi), ed in ultimo le parole del filosofo Santayana:“Chi non conosce la storia è condannato a ripeterla”.

 

 Per complessità tematica è riservato a spettatori d’età non inferiore a dodici anni.

 

Testi di AA. VV. :Monika Dombke, Battenberg Friedrich, Etty Hillesum, Primo Levi, Joyce Lussu, Silvestra Sbarbaro, Elisa Sprinter, Peter Weiss, Elie Wiesel

voci recitanti: Piera Bazzani, Giovanna Devoto, Angela Gibaldi, Daniela Guarrera, Floriana Masala, Jessica Montaldo, Nino Santella e Silvestra Sbarbaro

filmati e immagini tratte dal CD Rom Destinazione Auschwitz - Proedi Editore e dal Word Wide Web

regia, multimedia e grafica Patrizia Ercole