Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Pro Loco Recco - Reading "E vissero tutti ribelli e contenti" - 26 febbraio 2017

Domenica 26 Febbraio alle ore 17,00 presso la Sala Polivalente Franco Lavoratori, la Pro Loco con la Collaborazione dell'Amministrazione Comunale propongono un reading a cura dell'associazione Cultura di Rapallo 1° Universita dell'eta d'oro alla Regia Patrizia Ercole dal titolo "E vessiro tutti ribelli e contenti"

 la cittadinanza è  invitata a partecipare ingresso libero


Pierino Porcospino o Struwwelpeter è il nome di un libro  illustrato per bambini di Heinrich  Hoffmann. Il libro venne pubblicato anche in Italia grazie alla traduzione  di Gaetano Negri, ma rimase assai più noto nei paesi nordici, dove fu oggetto di  riscritture e di parodie. La storiella di Pierino dà il nome all'intera opera,  una raccolta di dieci filastrocche che raccontano le vicende di altrettanti  personaggi. Pierino è un ragazzo che rifiuta di collaborare con i genitori: non  tagliandosi le unghie né pettinandosi, assomiglia ad un porcospino. La sua  filastrocca, brevissima, ha il compito di introdurre e presentare a titolo di  esempio i personaggi e gli argomenti del libro: tutti i giovanissimi  protagonisti sono in qualche modo disobbedienti come  Pierino.

Nonostante la  scorrevolezza delle filastrocche ed il tono di fondo leggero, le storielle  costituiscono un esempio di educazione autoritaria. I bambini vengono  sistematicamente castigati, e la gravità delle singole punizioni non è facile da  prevedere.

Dato che  Hoffmann era un medico psichiatra e aveva pazienti in età infantile, la morale,  sempre chiarissima, riguardava di solito i temi della salute e della sicurezza;  le dieci storie formavano insieme un decalogo di insegnamenti come: abbi cura  del tuo corpo, non succhiarti il pollice, mangia sempre ciò che si trova sul  piatto, non fare il birichino a tavola, sii sempre prudente  ecc.

Giovannino Perdigiorno appartiene alla stirpe dei grandi esploratori: ha  curiosità e spirito d'avventura. I mondi che spesso incontra, però, non lo  soddisfano completamente e cosí, dopo una breve sosta, riparte per inseguire il  sogno di un «paese senza errore», dove tutto sia «perfetto» e «bello». Le  scoppiettanti filastrocche e le favole non concedono nulla, però, alla  «lezioncina» scolastica, risultano, anzi, divertenti e fantasiose: inventando il  personaggio di Giovannino Perdigiorno, insomma, Rodari ha saputo trasferire a  uno dei suoi personaggi piú vivi la sua vitalità, la sua voglia di ottimismo, di  utopia, di scommessa sul futuro.

Gianni  Rodari (1920 – 1980),  notissimo in Italia come in molti paesi stranieri, ha contribuito a rinnovare  profondamente la letteratura per i ragazzi. Nel 1970 ha ricevuto il Premio  Andersen.

Versi perversi di Roald Dahl
“Ho visto Cappuccetto passeggiare con una bellissima borsa di pelle di  maiale...”
 
Tu credi veramente che Cenerentola preferisse come marito un Principe  crudele a un buonuomo qualsiasi, o che Treccedoro potesse dormire senza pericolo  nel lettino dei Tre Orsacchiotti, o che i Tre Porcellini, se avessero chiesto  aiuto a Cappuccetto, potessero davvero fidarsi di lei? Io non dico niente, ma ho  visto Cappuccetto passeggiare con una bellissima borsa di pelle di  maiale...
 

Roald Dahl nasce nel  1916 nel Gailes, da genitori norvegesi. Trascorre l’infanzia e l’adolescenza in  Inghilterra e a diciotto anni va in Africa a lavorare per una compagnia  petrolifera. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale si arruola come pilota  nella RAF, ma la sua prima missione si conclude con uno schianto al suolo, dal  quale esce vivo per miracolo. Dopo il congedo raggiunge gli Stati Uniti per  conto del controspionaggio alleato ed è lì che scopre la sua vocazione di  scrittore. Tornato in Inghilterra, scrive la sceneggiatura di uno dei film di  James Bond, Si vive solo due volte, e  di Chitty Chitty Bang Bang. Negli  anni Ottanta scrive quelli che possono essere considerati i suoi capolavori: Il GGG (1982),Le streghe (1983) e Matilde (1988). Muore nel 1990, la  salute minata dalle conseguenze del terribile incidente di volo avvenuto durante  la  guerra