Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Comunicato Auser - No alla monetizzazione che estingue il reato di stalking

logo auser genericoNO ALLA MONETIZZAZIONE CHE ESTINGUE IL REATO DI STALKING!

DICHIARAZIONE DELL’OSSERVATORIO PARI OPPORTUNITÀ E POLITICHE DI GENERE

DI AUSER NAZIONALE.

«Lo Stato non può tradire le donne due volte, prima esortandole a denunciare e poi archiviando le denunce, o peggio, a depenalizzare il reato di stalking». La denuncia arriva da Loredana Taddei, Responsabile nazionale delle Politiche di Genere di Cgil, Liliana Ocmin, Responsabile del coordinamento nazionale donne Cisl e da Alessandra Menelao, Responsabile nazionale dei centri di ascolto della Uil. Le tre sindacaliste segnalano di avere scoperto che «nella legge di riforma del codice penale, approvata il 14 giugno 2017, si prevede l’introduzione di un nuovo articolo: il 162 ter, che prevede l’estinzione dei reati a seguito di condotte riparatorie. Uno di questi reati è lo stalking. Senza il consenso della vittima l’imputato potrà estinguere il reato pagando una somma se il giudice la riterrà congrua, versandola anche a rate». «Si presume - aggiungono - che la legge sia estesa a tutti i reati contro la persona che prevedono una pena di 4 anni di condanna. Un’assurdità di una gravità assoluta, peraltro, in totale contrasto anche con la Convenzione di Istanbul». 
Alla luce di queste dichiarazioni, l’Osservatorio P.O. e Politiche di Genere Auser chiede che venga fatta chiarezza al più presto, escludendo esplicitamente il reato di stalking da quelli per cui è prevista la condotta riparatoria, correggendo la norma contenuta nella riforma del codice penale da poco approvata in Parlamento. ”La persecuzione inflitta ad una donna dallo stalker – sottolinea Vilma Nicolini- responsabile dell’Osservatorio Auser Pari Opportunità e Politiche di Genere - non può essere equiparata ad una semplice lesione materiale, dando un ulteriore duro colpo alle donne vittime di minacce e molestie, che in questo modo perderebbero ulteriormente fiducia nelle istituzioni e si sentirebbero ancora più sole”.

__________________________________
Giusy Colmo c/o Presidenza Nazionale Auser
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione
Via Nizza 154, 00198 Roma
tel. 06-84407725
fax 06/84407777
cell. 348/2819301
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
www.auser.it 
facebook.com/auser.it
Twitter: @AuserNazionale
_________________________________