Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Da Libera : A Genova, dal 26 agosto al 2 settembre il primo campo ligure "E!State Liberi"

Logo LiberaCOMUNICATO STAMPA

A Genova dal 26 agosto al 2 settembre il primo campo ligure di “E!State Liberi!”, promosso da Libera e A.D.eS.So

Genova, 25 agosto 2017. Dal 26 agosto al 2 settembre l’associazione A.D.eS.So. e Libera organizzano a Genova il primo campo ligure di “E!State Liberi! – campi di impegno e formazione sui beni confiscati alle mafie”sostenuto da SPI CGIL, Auser, La Staffetta e Coop. Il Laboratorio.

14 campisti da 8 regioni, decine di volontari genovesi impegnati, 14 momenti di formazione, oltre 10 associazioni e realtà sociali del centro storico coinvolte: questi i numeri del campo, che si svolgerà nel territorio del centro storico genovese. I campisti dormiranno presso la Staffetta, in Vico delle Marinelle, mentre i pranzi e le cene, preparate da volontari di SPI CGIL e Auser, si terranno presso i locali della coop. Il Laboratorio in piazza Cernaia. Le attività di formazione si svolgeranno in vari spazi del centro storico, tra cui “In scia stradda”, Madda52, Teatro Altrove.

Nel 2014 Genova è stata teatro della confisca di beni immobili più grande del Nord Italia: 96 unità immobiliari (su 115 totali), la maggior parte delle quali localizzate appunto in centro storico (la cd confisca “Canfarotta”). In quest'area si concentrano molte situazioni di difficoltà e disagio economico, sociale e culturale, ma insistono pure associazioni e singoli cittadini (tra cui il Cantiere per la legalità responsabile) che si sono attivati per informare la cittadinanza, dando vita a nuove e proficue collaborazioni. Ad oggi nel centro storico di Genova c'è un solo bene confiscato riutilizzato per finalità sociali, “In scia stradda” in vico Mele, ma si progettano e realizzano vari percorsi legati ai temi dell'integrazione, dell'accoglienza, della riqualificazione del quartiere, del recupero di attività sociali e commerciali. Nel febbraio scorso inoltre, occorre ricordarlo, il Consiglio Comunale ha deliberato di acquisire al patrimonio comunale 11 unità immobiliari della confisca “Canfarotta”.

L'importanza di restituire alla collettività questi beni ha fatto nascere vari progetti con l'obiettivo condiviso di far sentire questi beni come "beni di tutti", un patrimonio comune che va fatto fruttare a beneficio collettivo, in un'ottica di responsabilità condivisa.

“In questa direzione dunque abbiamo inteso organizzare questo campo – affermano Stefania Bettiol (A.D.eS.So– Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale) e Chiara Volpato (Libera Genova) – che si inserisce all’interno della cornice nazionale di “E!State Liberi!”, che quest’estate vedrà coinvolti complessivamente più di 3000 partecipanti su 200 campi, promossi in 50 località di 13 regioni”.

Per informazioni:

Stefania Bettiol – A.D.eS.So– Antimafia, Diritti e Solidarietà Sociale 349/8340751

Chiara Volpato – Libera Genova 339/3432483