Questo sito web utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se scegli di continuare la navigazione, consideriamo accettato il loro uso.

logo auser tgp banner afterburner doppio finale x

Da Pro Loco Recco : Reading "Quasi una serata" - 5 novembre 2017

locandina coen 05 11 2017Quasi una serata

Domenica 5 Novembre alle 17, presso la Sala Polivalente Franco Lavoratori con ingresso libero, in collaborazione con l'associaizone Sant'Ambrogio, la Proloco e l'amministrazione Comunale vi propongono il Reading  "Quasi una Serata", sotto la regia di Patrizia Ercole .

Ethan Coen, che ha firmato assieme al fratello Joel alcuni film ormai entrati a pieno titolo nell’olimpo del cinema americano contemporaneo, da Fargo a Il Grande Lebowski, per arrivare al più recente A proposito di Davis, si è cimentato in qualcosa che cinema non è. Ha deciso di farlo attraverso la sceneggiatura teatrale di atti unici.

Nella sceneggiatura teatrale di Aspettando, breve e brillante, si percepisce chiaramente il clima ironico e grottesco tipico dei film dei fratelli Coen, e i personaggi che prendono la parola in scena richiamano evidentemente alcuni dei loro protagonisti più riusciti. È un testo che mostra chiaramente l'ispirazione kafkiana di Ethan Coen, peraltro ben presente anche in diversi suoi film.

Il protagonista – un uomo comune, in giacca e cravatta, moderatamente sagace, beneducato quanto basta – si trova in una sorta di sala d'attesa, in compagnia di qualche vetusta rivista sciupata e di una segretaria, concentrata nel suo lavoro di compilazione di una serie di moduli. Viene lasciato lì dopo la morte per migliaia di anni con la speranza di andare alla fine in Paradiso. Per una serie di contrattempi burocratici ogni volta che sembra il momento buono per l'ingresso c'è un intoppo, una firma che manca, un errore di qualche impiegato e passano i secoli e i millenni. Infine, di fronte alle sue proteste non più controllabili, gli verrà svelato che non esiste alcun Paradiso, ma solo l'inferno di quella sala d'attesa, per sempre.

Sherlock Barman.Stefano Benni mette in scena una “tragedia da bar” breve e divertente, che cattura lo spettatore fino all'inaspettato finale. Un delizioso gioco sul tema del giallo deduttivo all'inglese. L'intrusivo barista, col complesso di Sherlock Holmes, capace di leggere i segni del corpo rintracciandovi un'intera vita ed un cliente afflitto per amore, tanto mite quanto allo stesso tempo potenziale delinquente, sono i protagonisti di uno spettacolo che "scherza sul significato buffo della vita, su quei messaggi che identifichiamo come molto importanti ma che alle volte basta prendere solo un po' più alla leggera".

La morte bussa. Woody Allen mette in scena un modo divertente e scanzonato per giocare e scherzare su uno dei grandi temi che accompagnano la nostra esistenza. Racconta della visita della Morte a un brooklynese, che si gioca la propria dipartita a un'interminabile partita di ramino. E' uno dei primi, brevissimi atti unici che Woody Allen scrisse negli anni '60 per il cabaret.